Racconti di fine estate: io, me e l’insopportabile settembre

La foto del post l’ho scattata l’ultima volta che sono stata a Firenze. Sono state giornate belle in compagnia di un’amica speciale. Oggi le ho promesso che torno presto, non vedo l’ora.

Quasi un’intera estate senza scrivere su The Jungle. Sto ancora cercando di capire se sia un bene o un male. Di cose da dire ne avrei una valanga, devo solo capire se sia il caso di condividerle o meno. Comunque possiamo ripartire per gradi dal grigio, il colore che ho voluto predominante nella mia casa, la tinta del mio nuovo smalto. Non ho ancora capito se è un colore che mi porta bene o meno, di sicuro mi piace e continuo a circondarmene.

In questi mesi sono successe molte cose, alcune degne di nota, altre meno, di sicuro nessuna però ha segnato in positivo la mia giungla. Una cosa buona però c’è stata, anche se comporta ancora più fatica di prima: sono nella mia nuova casa.

Pensavo che sarebbe stato un trasferimento traumatico, invece mi sono trovata benissimo. Chi mi conosce sa cosa comporti occupare una casa che fino a qualche mese fa era comunque una fonte di reddito, ma nonostante tutto sia difficile, pesante, complicato…io nella mia casetta da single mi sento a casa mia e questa è una cosa fantastica. Poi vabbè la casa è nel centro di una città di provincia, che mi sta stretta, ma non si può avere tutto.

E così tra uno scatolone e l’altro, tra un senso all’armadio e uno agli armadietti, è arrivato settembre. Il mese che non sopporto, il mese che mi sta stretto. Oggi poi è il 6 che da ormai 12 anni si caratterizza per eventi che hanno un influsso negativo. Però tutto serve e in questa decade e poco più ho imparato che se ho un senso di mal di stomaco nel fare una cosa, anche se sembra una figata pazzesca, allora non la devo fare.

Anche oggi, 6 settembre, ho avuto la conferma che devo dare retta alle mie sensazioni e che quindi se avverti che qualcuno non è sincero con te, non vuole davvero il tuo bene, ma agisce per il proprio egoismo, allora è meglio evitarlo. Invece no, anche stavolta dovevo sbatterci la faccia e farmi male. E non lo nego, mentre scrivo queste righe ho vicino a me un calice di Pinot nero e sto sgarrando la dieta che da ormai dieci giorni stavo seguendo alla lettera. Del resto, come dice la mia amica Giulia con la quale ho avuto una stretta corrispondenza messagistico-telefonica per affrontare meglio questa giornata nefasta, tutte le diete hanno un giorno di sgarro.

Era il 6 settembre del 2008 quando, in una giornata di fine estate, andavo ad una sorta di festa, di bianco vestita e con un bouquet in mano. Nonostante le scarpe da Cenerentola, costate più del vestito ma credetemi nel valeva la pena, è stato poi evidente che non c’era nessuna favola. Da quel giorno lì, e per i primi sette anni non mi sono mai data una spiegazione, questa data mi regala sempre spiacevoli situazioni. Ma per assurdo sono anche quelle che mi aprono gli occhi, seppur regalandomi momenti di indimenticabile sofferenza, che però mi aiutano a vedere la vita così com’è davvero.

Quando è iniziata l’avventura di The Jungle speravo di poter raccontare una storia di riscatto. Pensavo di poter scrivere in breve tempo di aver raggiunto gli obiettivi che per scelte diverse avevo accantonato da tempo. Oggi il bilancio è abbastanza deludente. Il riscatto non c’è e inizio a pensare che forse The Jungle mi è servito per capire che non tutte le storie hanno un lieto fine. Di sicuro però, a suon di delusioni, in questi anni ho imparato molte lezioni. Ancora però non ho appreso come non abbassare la guardia da chi finge di essere interessato a te, ma invece vuole solo una soluzione per sfuggire dai propri problemi.

Il fatto è che le mie sensazioni dicevano giusto, poi come sempre però ho il brutto vizio di sopravvalutare le persone o meglio, di vedere il buono in loro. Lo dico a me e lo dico a tutte le persone che come me, inspiegabilmente dato il quotidiano lavoro di introspezione, continuano a cadere dalla padella alla brace.

Circondatevi di persone che vogliano stare con voi e che sappiano il perché, lasciatevi amare da qualcuno che pensi che siete la persona per cui vale la pena. Oggi volevo parlare anche di appuntamenti 😊 e di madamino, ma il post per lo stile del mio blog è già troppo lungo, quindi magari ne parlo un’altra volta.

Anche perché oggi i miei direct di instagram pullulano di messaggi su come esorcizzare questo settembre, quindi è tempo di dedicarmi agli amici, che fortunatamente sono la parte bella della mia vita. Dalla giungla e il pinot nero per oggi è tutto insomma 😊

Colonna musicale un classicone, il mio amato Vasco: “Senza parole”

La foto del post l’ho scattata l’ultima volta che sono stata a Firenze. Sono state giornate belle in compagnia di un’amica speciale. Oggi le ho promesso che torno presto, non vedo l’ora.

Non è color topo ma più cenere: quando la ripartenza è “grigia”

Due mesi dopo la situazione è sempre la stessa e cioè in me c’è sempre il giaguaro così come il mal di schiena, anche perché, per quest’ultimo avevo in programma una risonanza magnetica ma causa Covid-19 esame rimandato a data da destinarsi e così mi tengo il dolore.

Anche dal punto di vista dell’abile felino che è in me 😊 tutto come prima del mio viaggio di febbraio a Firenze. Diciamo che però, rispetto a qualche settimana fa, almeno ho scelto la cucina della mia nuova casa.

Ora che l’emergenza coronavirus sembra un po’ rientrata torno a scrivere qualche riga su questo diario di viaggio, permettendomi di raccontare fatti con leggerezza, cosa che nelle scorse settimane non mi sono sentita di fare.

E’ un pensiero che ho condiviso anche qualche giorno fa, ospite di una trasmissione radiofonica, quando mi è stato chiesto come procedeva il blog. Ho spiegato che nonostante il lockdown e molto più tempo libero, ho preferito non scrivere. Credo che sarebbe stato superfluo e superficiale. Del resto, sono una giornalista non una scrittrice, quindi non avrei di certo avuto le capacità che hanno i bravi scrittori di distrarre il lettore anche da un’emergenza come il Covid-19.

Oggi però dopo settimane e settimane ho aperto il sito e ho scritto qualche battuta, forse più per me che per gli altri, forse solo per ricordarmi che anche questo blog è un piccolo testimone della rivoluzione che a un certo punto è arrivata nella mia vita. E’ il diario delle mille ripartenze, dei sogni infranti, di quelli nel cassetto che è chiuso a chiave con 102 mandate perché ho paura che vadano in fumo. Devo anche dire che ho trovato una valanga di messaggi dove sedicenti esperti di web mi consigliavano come fare soldi con il blog…

Tornando a cose semi semiserie. L’avevo detto anche prima della breve ma bellissima vacanza a Firenze… sembra assurdo ma ho voglia di cambiamento. Avevo detto che l’avrei fatto a piccoli passi questa volta: beh, visti i divieti e le autocertificazioni direi che ho avuto una mano.

Presto però si riparte e si chiude anche un capitolo enorme e pesante della mia vita. Come sempre però, ricomincio realista e mai ottimista. E infatti il colore della mia nuova casa, quella della mia nuova vita, ne è la dimostrazione: riparto dalle tonalità di grigio. Che non è un color topo sia chiaro e non me ne vogliano le panteganone che ogni tanto si incontrano anche qui quando il lago è alto.  Forse è più un color cenere. Che poi magari dalle ceneri…

Del resto, anche i sognatori devono continuare a viaggiare con la mente, ma tenendo i piedi ben puntati per terra. Vedremo se le sfumature di grigio mi porteranno fortuna…chissà che sia la volta buona. Qualcuno con un titolo così si è fatto un bel gruzzoletto 😉

Un giaguaro, seppur con il mal di schiena, è sempre un giaguaro

Scampati i buoni propositi del nuovo anno, sfuggita indenne anche da San Valentino, mi sa che è arrivato il momento di riaffacciarmi dalla giungla. Non che io ci sia rimasta intrappolata dentro, ogni tanto ci salto fuori come un giaguaro…un po’ anziano, a dir la verità, visto che ormai sono più verso gli “anta” e il mal di schiena è il mio compagno di vita. Ma insomma lasciatemi credere che ci sia un abile felino in me 😊

Del resto un giaguaro, seppure con il mal di schiena, è sempre un giaguaro.

Il 2020 è l’anno dell’ennesima ripartenza, delle nuove sfide. Per certi aspetti si preannuncia il più pesante degli ultimi cinque anni, ma sono pervasa da una strana energia che non so nemmeno io da dove arriva. Però è bello sentirsi tipo braccio di ferro dopo un piatto di spinaci. Crollerò prima o poi? Al momento non mi interessa saperlo.

Il “venti venti” è così l’anno di un nuovo trasloco, della partita iva, dei sogni infranti, del cassetto dei desideri di riserva che non so se voglio aprire. Sarebbe anche l’anno dei nuovi progetti, sempre che le cose ad un certo punto si sblocchino e tutto possa partire.

Sembra assurdo dirlo ma ho voglia di cambiamento, ma ho imparato che è meglio fare le cose a piccoli passi, quindi la prima cosa da cambiare è la cucina della mia prossima casa 😊

Ripartenza però vuol dire anche promettere a me stessa di prendermi più cura di me e meno degli altri, che non vuol dire essere egoisti, ma semplicemente volersi bene…amarsi un po’. Ecco perché al momento scrivo da un treno ad alta velocità. Destinazione amicizia, buon cibo, belle cose e chissà….

Magari ve lo racconto poi com’è andata.

Ah, per la cronaca, prima che qualcuno pensi che la mia ruota stia iniziando a girare… mi sembra giusto dire che in realtà a quest’ora dovevo essere già alla meta, peccato che tra tutti i treni in partenza, il mio è stato cancellato. Ma “in the jungle” le cose semplici le troviamo sempre un po’ noiose, quindi meglio un pizzico di “rotture di scatole” quotidiano, mica che poi si perda l’allenamento al brivido dell’imprevisto.

Se c’è un paradiso dei cani di sicuro sei lì: ciao Ira <3

Sentivo che le brutte notizie non erano finite. Ne avevo parlato con una delle mie migliori amiche dicendo che avevo un presentimento che il lungo periodo “no” della mia vita non era finito e purtroppo avevo ragione.

Una settimana fa ho perso la mia fedele compagna di vita. Ira, il mio amato pastore tedesco, non c’è più. Ero consapevole che a 12 anni non era più giovanissima, anche se aveva il musino di un cucciolotto, ma non pensavo che l’avrei persa nel giro di 24 ore per gli esiti di un problema neurologico.

Per la prima volta in tre anni, da quando il mio matrimonio è finito, ho avvertito un vuoto in casa. Ira mi manca ogni giorno. Mi manca il suo puntuale abbaiare ogni volta che stavo facendo un’intervista, il suo mettersi a pancia in su tutte le mattine al risveglio per le coccole, mi manca vederla fare i capricci per la pappa perchè così le mettevo qualcosa di più buono nella ciotola. Mi manca il suo russare la sera, entrambe davanti a un film, io sul divano, lei sul suo cuscino da regina. Mi manca darle il buongiorno e la buona notte, mi manca il suo calore ogni volta che vacillo e che mi viene da piangere. Mi mancano un milione di cose che non ho nemmeno la forza di elencare.

La mia lupacchiotta per me era speciale e nell’ultimo anno, dopo aver perso il lavoro e passando molto tempo in casa lavorando da freelance, c’eravamo unite ancora di più.

In tutta la brutta vicenda del perdere il lavoro e delle inevitabili conseguenze economiche sulla mia vita, l’unica cosa positiva è stata che per un anno intero ho avuto la possibilità di vivere Ira costantemente. Ci separavamo davvero poche ore al giorno.

Ora sono convinta che lei sia nel paradiso dei cani o comunque in un posto meraviglioso dove scodinzola, corre felice e si abbuffa di biscotti. E’ stato un cane meraviglioso, sono stata molto fortunata.

Ora per me è il momento di un’altra perdita, di una nuova ripartenza….. l’ennesima in questo susseguirsi di sgambetti che la vita continua a farmi e che spesso fatico a comprendere.

Arriva un tempo per tutto, anche per ripartire

C’è un tempo per cadere,

c’è un tempo per rialzarsi,

c’è un tempo per metabolizzare,

c’è un tempo per la rabbia,

c’è un tempo per il rancore,

c’è un tempo per lasciare andare,

c’è un tempo per ritrovare se stessi,

c’è un tempo per la disillusione,

poi….improvvisamente…c’è un tempo per ripartire.

Credo che per me sia arrivato quel momento. Non so come e non so dove, ma credo che il giorno sia vicino. Strani segnali attorno a me mi portano a pensare che a questo punto del mio viaggio nella giungla io abbia raggiunto una meta. Ancora non la vedo bene, ma sono convinta di esserci già sopra con i piedi. Negli ultimi due anni ci sono state tante false partenze, sono stufa, ma non può essere così per sempre.

E’ un periodo particolare dell’anno. Io non sono mai stata un’amante del Natale e gli ultimi non sono stati tra i migliori della mia vita, ma almeno quest’anno la famiglia sarà tutta riunita.

Ieri ho fatto anche l’albero. Erano quattro anni che non lo facevo più. E” stato strano, inevitabilemente sono tornati tanti ricordi, alcuni anche dolorosi, ma andava fatto.

Quindi da ieri sera nella “mia casa non mia casa” c’è un albero enorme pieno di addobbi luccicanti e led luminosi. Lo guardo e mi viene anche un po’ da ridere perchè è come se Ira ed io avessimo un ospite in casa. Uno di quelli che un po’ ti fa piacere, un po’ no.

Ma la vita del resto è un po’ così: dolceamara. Nelle prossime settimane, assaggiandola, cercherò di coglierne le sfumature più “zuccherine”.Anche se va tutto storto, anche se nemmeno quest’anno Babbo Natale mi porterà quello che ho scritto sulla mia letterina. In realtà è una lettera breve, anzi brevissima, ma dubito che la slitta passi da queste parti.

Magari il 2018 porterà qualcosa di quello che sto cercando, qualcosa che se chiudi gli occhi e ci pensi ti viene da sorridere, qualcosa che ti fa stare bene, ma soprattutto qualcosa che mi permetta di recuperare il regalo che non mi farò a Natale: Jimmy Choo ci riaggiorniamo nel 2018 🙂