L’eterna storia di lei, lui e l’altro…. e di “quello”

Giornate grige…

Il tempo è impazzito ma anche l’universo dei sentimenti mi sembra sempre più folle. Negli ultimi mesi il gruppo delle single nella mia sfera di amicizie è aumentato e non di poco. Coppie che si sono lasciate dopo molti anni, amori sbocciati da qualche mese e che sembravano andare a gonfie vele che ad un tratto sono finiti, così, come un soffio su una candela accesa. Quello che si spegne al primo colpo e lascia una scia di fumo grigiastra.

Poi vabbè ci sono quelle che sono un po’ come me e sembrano condannate a incontri che non hanno un che di definito e quelle che tornano sempre indietro verso l’uomo da evitare anche se sanno perfettamente che non va bene per loro.

Alcune rotture, non lo nascondo, sono convinta porteranno per queste meravigliose ragazze a storie migliori, con uomini più maturi. Altre mi hanno colpita molto perché sono sicura che da entrambe le parti ci sia ancora molto amore e spero – anche se non sono una sostenitrice della minestra riscaldata – che un giorno possano tornare a percorrere la stessa strada. Nel frattempo gli auguro di individuare ciò che davvero li rende felici e realizzati. Che è un po’ quello che auguro a me, che so perfettamente cosa voglio, ma che non vedo mai concretizzarsi e da troppo tempo. E quando parlo di me intendo della mia vita in generale.

Da un lato c’è il piccolo esercito delle amiche single, dall’altro c’è quello degli amici maschi in cerca dell’amore….perchè diciamolo, ci sono un sacco di uomini meravigliosi che sono sfigati quanto noi.

Una cosa però l’ho capita. Per uno strano scherzo del destino, ci sono meccanismi che si ripetono un po’ per tutte:

Lei incontra “lui” e lui sembra esser pazzo di lei. Si frequentano, anche per poco, poi “lui” sparisce o comunque diventa indecifrabile. Così dopo un po’ lei decide di provare a frequentare “l’altro”, ma pur consapevole che “lui” è sempre nei suoi pensieri.

Un giorno in paradiso, cento all’inferno insomma, con gli amici che si dividono nei “è uno stronzo lascialo stare” e “dagli tempo magari ha bisogno di aprirsi, se non scrive, scrivi tu”.

E così “lei” scrive, ma non è come quelle pazze da un messaggio al giorno e che quando non vedono una risposta partono con gli insulti…sono più contatti a distanza di settimane, a volte con risposta, altre no.

Ed è proprio quando si sta mettendo giù il pensiero che “lui” all’improvviso si palesa, di solito con un messaggio ad affetto in tarda serata (quelli che ti fanno quasi cascare dal divano per intenderci 😉 ) e così lei va di nuovo in crisi esistenziale. E riparte il coro di “lascia perdere” e di “aspetta” ma alla fine i pro e i contro si uniscono e portano fuori l’anima sofferente nel tentativo di consolarla.

Di solito succede anche che dopo il messaggio ad effetto “lui” sparisca di nuovo o comunque non faccia nulla di concreto per far capire a “lei” che in realtà ci tiene davvero.

Baaaaammmmmm di nuovo l’inferno.

E mentre “lei” guarda fisso il telefono in attesa di “lui” ecco che WhatsApp ti manda una notifica ma è “dell’altro”, e così si riparte in un vortice di confusione che spesso va a finire ancora peggio. Perchè si, è proprio mentre la testa gioca a ping pong tra “lui” e “l’altro” che dal passato si palesa “quello”, ovvero l’uomo che ti ha spezzato il cuore e che ti ha fatto dire basta all’amore.

So per certo che in questi giorni un paio di “quello” hanno bussato a qualche porta. Quindi non so, magari, cari “lui”, provate a non fare i principini del mondo moderno e a dare un po’ di chiarezza a chi vi sta aspettando. A volte basta sedersi a un tavolo, parlarsi e dirsi quello che si prova o non si prova.

Nel senso che fare un piccolo sforzo e uscire un attimo dal proprio pianeta io centrico può rivelarsi meno complicato di come sembra, stessa cosa per le principesse sia chiaro 🙂

Baci e abbracci alle mie amiche single, di storie così ne parleremo all’infinito nelle nostre serate, con i nostri calici di vino e trovando sempre il modo di strapparci una risata a vicenda <3

Un abbraccio anche a tutti gli amici single della nostra vita, che ascoltano le nostre paturnie e che cercano ogni volta di darci il punto di vista maschile, che puntualmente prendiamo in malo modo e rigettiamo dal nostro intelletto. Del resto Marte e Venere difficilmente riescono a dialogare, anche per quelle come me che per segno zodiacale sono un po’ “marziane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *