In the jungle of “zona gialla”: il lavarsi le mani ora è realtà

cose che vanno a ruba

La paura ci rende isterici, mi pare un fatto evidente. Il Coronavirus è arrivato in Italia, in Lombardia, la regione dove vivo e dal quel momento è stato il caos. La gente ha paura, del resto chi non la avrebbe di fronte a centinaia di trasmissioni che parlano solo di malattia, di morti, di infetti?

Forse si sta un po’ esagerando, lo stiamo facendo un po’ tutti. Scrivo di Sanità da almeno una decina di anni e solo oggi, in questi giorni di Coronavirus, ho la conferma di quanto penso da tempo: la gente deve temere una pandemia per mettere in atto basilari norme di igiene.

Non ricordo esattamente in questi anni quanti articoli sull’importanza del lavaggio delle mani ho scritto, ma sono stati tanti e ho ben presente quante volte  la gente mi ha detto che quanto scritto erano “cose banali”. Del resto fa più notizia l’intervento all’avanguardia (cosa buona e giusta sia chiaro parlarne) di un semplice pezzo dove si spiega che il gesto del lavarsi le mani non è assolutamente banale, anzi, che ci sono delle regole precise affinchè la pulizia sia efficace.

Oggi tutti a sfregarsi, a lavarsi compulsivamente, a passarsi il gel, probabilmente ignorando che esiste anche una giornata mondiale dedicata, voluta proprio dall’Oms. Penso però che il prossimo 5 maggio, Giornata Mondiale del lavaggio delle mani appunto – e il cinque se ci pensate non è casuale – quando l’emergenza sarà finita, in pochi si ricorderanno di celebrarla.

E le mascherine? Per anni a interrogarsi se proteggano le vie respiratorie dai danni dell’inquinamento. Oggi tutti alla corsa all’ultima mascherina, magari griffata in vendita a 300 euro (anche qui ci sarebbe da fare una lunga riflessione) nonostante tutti gli esperti ci dicano che non sono utili. Le mascherine, a detta di chi ne capisce più di me, servono alla persona che presenta sintomi respiratori per evitare il contagio agli altri (non parlo di professioni a rischio dove le mascherine di un certo tipo sono invece necessarie). E’ una norma che andrebbe seguita quando si ha l’influenza, ma che non mi pare purtroppo essere un’abitudine consolidata nel nostro paese. In altri si, ma tutti voi avrete in mente la faccia che fa la gente quando vede uno con una mascherina in giro? Ora tutti con il naso e la bocca ben nascosti, anche se non serve, anche se la mascherina la tieni una giornata intera senza pensare all’anidride carbonica che stai respirando. Non sono un medico, ma tutto questo mi pare una follia.

Così come mi pare una follia sentire gente che si lamenta perché in questi giorni stanno limitando il nostro raggio di azione. Niente aperitivi, niente palestra, niente burraco, niente riunioni. L’insegnamento di tutta questa vicenda dovrebbe essere quello di un maggiore rispetto del prossimo e dell’ambiente. Nel primo caso, imparando delle norme che è evidente non sono di conoscenza comune su come ridurre i contagi da patologie respiratorie, nell’altro di come finalmente il lavoro da casa possa essere considerato un’opportunità di riduzione di molte cose, come traffico e smog,  non di un sostegno al “fancazzismo”.

L’auspicio è che la gente impari che è giusto stare a casa se non si sta bene, perché come si sta vedendo, il rischio è di contagiare persone anziane o con patologie che li espongono a più a rischi. Spero che i datori di lavoro imparino a non storcere il naso quando un dipendente chiede di stare a casa perché ha la febbre, la tosse e il raffreddore, ma che senza ripicche di sorta permettano tutto ciò nella massima tranquillità per evitare che mezzo ufficio prenda l’influenza. Poi è chiaro, vedendo i dati sullo smog in questi giorni, che lo smart working è in molti casi una vera e propria opportunità. Non eravamo pronti, potrebbe essere un’occasione per fare un passo in avanti.

Si leggono e si vedono molte cose da quando il virus ha bussato alla porta, impazzano sui social le foto di scaffali vuoti nei supermercati. Bene, nessuno vuol dire che in molti casi ci sia il terrore che le derrate possano terminare, ma in mezzo a quella gente, nei giorni scorsi, ci saranno stati anche molte madri e padri di famiglia che, leggendo (non interpretando magari in modo corretto ordinanze e documenti vari)  di negozi chiusi il sabato successivo, giorno dedicato alla spesa, hanno pensato di far scorta. Del resto con scuole e uffici chiusi, con magari due figli o più e con anche qualche nonno a carico, sfido chiunque abbia un po’ di contezza di gestione domestica a organizzarsi per quattro o cinque coperti due volte al giorno, più le merende. Chi fa informazione forse, dovrebbe analizzare e riportare tutte le ipotesi possibili ma…magari sbaglio io.

Le cose da dire sarebbero tante, ma non sono un medico e nemmeno un esperto di qualcosa, quindi mi fermo qui. Prima però permettetemi di dire che in questi giorni mi pare che la lotta alle fake news sia ai minimi storici, anche da chi dovrebbe essere il primo a sostenerla. Ma il copia e incolla, senza verifica, è ancora una tecnica portata avanti da molti, così come la ricerca del titolone nonostante si sappia che le cose non sono propriamente così.

Forse di dovrebbe rinunciare un po’ a tutta questa valanga di informazioni, che detto da me pare un assurdo lo so. Forse bastano il quotidiano, il tg o il gr di riferimento per poi concentrarsi su altro, magari un bel film o un buon libro. Tanto, se come me siete in Lombardia, il tempo per finirlo questa settimana lo troverete, in attesa del ritorno agli aperitivi 😊

Dalla giungla di Francesca, che al momento è in zona gialla, è tutto!

Un giaguaro, seppur con il mal di schiena, è sempre un giaguaro

Scampati i buoni propositi del nuovo anno, sfuggita indenne anche da San Valentino, mi sa che è arrivato il momento di riaffacciarmi dalla giungla. Non che io ci sia rimasta intrappolata dentro, ogni tanto ci salto fuori come un giaguaro…un po’ anziano, a dir la verità, visto che ormai sono più verso gli “anta” e il mal di schiena è il mio compagno di vita. Ma insomma lasciatemi credere che ci sia un abile felino in me 😊

Del resto un giaguaro, seppure con il mal di schiena, è sempre un giaguaro.

Il 2020 è l’anno dell’ennesima ripartenza, delle nuove sfide. Per certi aspetti si preannuncia il più pesante degli ultimi cinque anni, ma sono pervasa da una strana energia che non so nemmeno io da dove arriva. Però è bello sentirsi tipo braccio di ferro dopo un piatto di spinaci. Crollerò prima o poi? Al momento non mi interessa saperlo.

Il “venti venti” è così l’anno di un nuovo trasloco, della partita iva, dei sogni infranti, del cassetto dei desideri di riserva che non so se voglio aprire. Sarebbe anche l’anno dei nuovi progetti, sempre che le cose ad un certo punto si sblocchino e tutto possa partire.

Sembra assurdo dirlo ma ho voglia di cambiamento, ma ho imparato che è meglio fare le cose a piccoli passi, quindi la prima cosa da cambiare è la cucina della mia prossima casa 😊

Ripartenza però vuol dire anche promettere a me stessa di prendermi più cura di me e meno degli altri, che non vuol dire essere egoisti, ma semplicemente volersi bene…amarsi un po’. Ecco perché al momento scrivo da un treno ad alta velocità. Destinazione amicizia, buon cibo, belle cose e chissà….

Magari ve lo racconto poi com’è andata.

Ah, per la cronaca, prima che qualcuno pensi che la mia ruota stia iniziando a girare… mi sembra giusto dire che in realtà a quest’ora dovevo essere già alla meta, peccato che tra tutti i treni in partenza, il mio è stato cancellato. Ma “in the jungle” le cose semplici le troviamo sempre un po’ noiose, quindi meglio un pizzico di “rotture di scatole” quotidiano, mica che poi si perda l’allenamento al brivido dell’imprevisto.

In attesa della regia perfetta

La vita è fatta senza dubbio di incontri che a volte però sono più come degli scontri. Nel senso che ti ci imbatti in maniera così improvvisa e prepotente, da rimanerci un po’ tramortito.  Il problema resta poi capire se il destino ti sta offrendo finalmente qualcosa di bello o l’ennesimo problema da affrontare. Magari però ti sta solo preparando a qualcosa di meglio, ma per comprenderlo devi comunque passare da lì.

E anche vero però che in certi momenti è lecito prendersi ciò che di bello il destino ti offre, senza vivere con il dubbio che sia prossima la fregatura. Quando accade, anche le persone più determinate a non farsi “fregare” giocando sempre in difesa, le barriere poi le abbassano e si lasciano travolgere. Accade, prima o poi accade a tutti.

Ci riflettevo ieri sera dopo aver visto il nuovo film di Woody Allen, pensando a quanto possa far bene una ventata di romanticismo nella vita di tutti noi, la mia compresa. La cosa mi è tornata in mente anche oggi, in un tranquillo mercoledì di dicembre, durante una singolare merenda. Anche se, a dir la verità, io di gesti romantici ne ho ricevuti davvero pochi. Forse però, riflettendoci, farebbe bene anche a me. Così come guardando sul grande schermo New York credo di dover al più presto regalarmi un viaggio 😊

E per romanticismo non intendo un fiore o un regalo, gesti bellissimi si, ma che forse non riescono a dare la scossa necessaria a un cuore malandato. Per “defibrillarlo” a volte, serve qualcosa di molto più inaspettato, qualcosa di perfetto, al momento giusto, nel posto giusto. Dove, come, quando non si sa! Bisogna solo credere che prima o poi succederà!

Chissà come mai poi, le combinazioni giuste della tua mente, le vedi proiettate in un film. In attesa della perfetta regia, sarà comunque piacevole immaginare coincidenze bellissime che ti lasciano senza parole. Un po’ come quando assaggi un pasticcino con le more, alla vista bellissimo e al gusto deliziosamente soddisfacente.

“La noia, la noia, la noia, la noia”: monotonia d’agosto e non solo

Osservazione annoiata di cieli lacustri

Agosto tempo di vacanze…ma non per me. Niente mare, perché devo finire un progetto che dovrebbe essere la conclusione di un lavoro iniziato qualche anno fa. I tempi stringono, le energie scarseggiano, non tanto per l’assenza di una data per partire, ma per il fatto che a parte questa cosa in divenire, tutto il resto è in stallo.

Nessuna novità, nessun segnale all’orizzonte. Insomma tutto di vecchio, tutto una noia mortale. Talmente noioso che non ci sono parole per descriverlo 😊

E mentre i miei amici preparano le valigie, io resto qui ma senza guardare le stelle cadenti di San Lorenzo, che tanto i miei di desideri…non si avverano mai. Che non è pessimismo ma un dato di fatto visto che la giungla è immobile, nonostante mille tentativi di ripartenza. Come ho detto alle mie amiche l’altro giorno, deve essere che il mio cassetto dei sogni è difettoso, anche quando provo a riaprilo è sempre bloccato!

Misteri della vita. Quasi quasi, come mi ha consigliato qualcuno, mi trovo un bravo falegname per vedere se si riesce a sistemarlo 😊

Nel frattempo si accettano consigli per contrastare la noia o per aprire il cassetto…

Colonna sonora: la noia di Vasco Rossi

A Viola, Fra e a tutti quelli che: “a noi la normalità ci schifa”

Riflessioni al calar del sole

Premessa: non a tutti piace la normalità, a me compresa.

Detto questo, inizio a riflettere sul fatto che forse la chiave del successo in tema di relazioni amorose è che se una parte è totalmente al di fuori dall’ordinario, allora l’altra deve rientrare nei canoni della “normalità”. Del resto le coppie di successo che conosco sono così.

C’è anche da dire che alcune persone, che per proprietà caratteriali sono definibili “particolari”, sembra siano destinate ad essere una calamita per folli.

E su questo punto, da un po’ di tempo a questa parte, mi sento meno sola 🙂

Perchè come direbbe la mia amica Viola (nome di fantasia, ma solo il nome perchè lei esiste e davvero è la testimonianza che nelle sfighe non si è mai soli): “La normalità a noi ci schifa”.

Oggi, insomma, se non lo avevate ancora capito parliamo d’amore. Ebbene si, è tempo di sentimenti nella giungla di Francesca, ma anche in quella di Viola e di tutti gli altri, donne e uomini, che come noi sono schifati dalla normalità.

La storia ormai si ripete da anni. Conosciamo qualcuno di carino, ci sembra un tipo a posto, ma bastano pochi giorni per capire che non è così. Nel frattempo tutti i nostri amici si fidanzano, si sposano, alcuni si lasciano ma poco dopo si innamorano e si fidanzano di nuovo. Ma noi no, Viola e la Fra, loro sono da anni in una costante: il tizio strano.

C’è da dire che forse anche noi ci mettiamo del nostro perchè sarebbe cosa buona e giusta, alle prime avvisaglie di dramma, allontanarsi dal pericolo. Ma noi no, a noi il brivido serve e così tutto si evolve ma tutto resta come prima.

E per non farci mancare nulla, nelle nostre vite ci sono loro, quelli che escono dalla tuo raggio d’azione, ma non escono mai davvero, quelli che sono e saranno il tuo punto debole, quelli che ci sono o non ci sono è lo stesso perchè tanto le giornate te le cambiano nel bene o nel male comunque. E probabilmente lo sanno anche loro.

E così ci ritroviamo a fare 200 chilometri per poi sentirci dire “A volte vorrei scriverti poi passa il momento, ma tu scrivimi”, oppure a trasferirci per mesi e mesi nella sua città senza mai incontrarlo, oppure a lunghi silenzi a un semplice messaggio per sapere come sta, per poi settimane dopo riceverne uno assolutamente spiazzante. Poi spediamo cartoline, cerchiamo confronti che riaprono cicatrici, insomma, un sacco di cose che potrebbero essere evitate.

E quando cerchiamo il chiodo per schiacciare il chiodo..Marte, Giove, Urano, Plutone e chi ne ha più ne metta, fa in modo che si caschi dalla padella alla brace. E nel mentre facciamo cose assurde come accompagnare la nostra amica dal suo grande amore e poi doverla trascinare nel luogo previsto perchè si è impalata e la paura ha preso il sopravvento.

Con il senno di poi…penso che forse sarebbe meglio disertare certi appuntamenti che non ci crea il destino ma noi stessi, forse per risparmiarci un po’ di quell’amara consapevolezza che per certe persone non saremo mai una priorità.

Ma non finisce qui, perché con l’estate sono arrivati nuovi segnali di pericolo incombente 🙂 O meglio di chat contrastanti..

Non ci resta che attendere le prossime mosse.. nel frattempo cercheremo di sdrammatizzare come sempre.

Questo post lo dedico proprio a Viola, un’altra lottatrice con il cuore di panna <3.  Lei sa perchè.

Nella vita esistono fasi di stallo o almeno così sembra!

scorci di lago

Ok ho latitato! Non per pigrizia ma per mancanza di tempo e probabilmente di contenuti. In effetti ora che mi metto a scrivere non è che ci sia molto da dire. Grosse novità non ce ne sono. Quindi… che scrivo a fare?

Ho avuto una sorta di senso di colpa. Quello che ti viene quando hai una cosa da fare ma continui a lasciarla li, la guardi, sai che c’è, ma passi oltre…poi la riguardi, poi ti dimentichi… e niente poi arriva il momento in cui è il momento. Ed eccomi qui.

Dopo oltre un mese mi sono resa conto che avevo i commenti da approvare. Il fatto è che con the jungle mi succede un po’ la stessa cosa che mi succedeva quando lavoravo in radio. Sostanzialmente non hai la percezione di chi ti sta leggendo, un po’ come ti succede in regia mentre stai parlano e non sai chi è in ascolto. E per quanto mi riguarda il conteggio è sempre stato per difetto per poi realizzare che invece c’è chi ti ascolta o chi ti legge.

Ma forse il senso doveva essere qualcosa del tipo: nella vita esistono fasi di stallo. Che fino a qualche ora fa pensavo fosse una cosa positiva, dopo i mirabolanti colpi di scena “in negativo” degli ultimi anni della mia vita. Poi però oggi pomeriggio rientrando a casa ho trovato una vipera nel vialetto e ho pensato che un rettile a pochi metri non era un segnale così incoraggiante. Forse un serpente serviva a ricordarmi che Francesca è ancora lì, nella giungla in attesa di sviluppi. Meno male che almeno è vista lago 🙂

 

 

Metti una giornata di mare, la sabbia bianca e l’essenza delle cose

La spiaggia di Jbr a Dubai

E mi sono ritrovata lì, sulla spiaggia di Jbr a Dubai, con 37 anni compiuti il giorno prima e ancora un mondo di dubbi su cosa succederà tra uno, tre, sei mesi. Una bella novità però è arrivata, si chiama Maya ed è la mia nipotina.

Chi mi conosce sa benissimo che non sono molto brava con i bambini piccoli, soprattutto con i neonati, perchè ho sempre paura di fargli male, di non essere in grado di gestirli, ma stringere mia nipote…beh che dire, è stato pazzesco. Così come è stato bello trascorrere un po’ di tempo lontano da Como e lontano da tutto.

Devo ammettere che più passa il tempo, più ogni volta che mi allontano dalla mia città lacustre poi mi viene sempre meno voglia di tornarci.

Ma ripartiamo dalla spiaggia di Jbr, senza dubbio uno dei miei posti preferiti a Dubai, ma anche una delle spiagge che – anche se non ho ancora capito perchè del tutto – è nella mia top ten dei luoghi dove vivere il mare.

Trentotto gradi, una leggera brezza, il sole, il relax…insomma una meraviglia. E mentre canticchiavo “Amazing” degli Aerosmith, ecco che arrivati a “life is a journey, not a destination. And I can’t tell you just what tommorow brings” la mia testa si è fermata lì.

Vi capita mai di ascoltare delle frasi, di capirne il senso, ma di non coglierlo mai fino in fondo? A me capita eccome, poi quando riesco ad arrivare all’essenza delle cose è sempre una bella conquista.

Del resto gli ultimi anni sono stati pesanti, con molti più bassi che alti, con molte più sconfitte che vittorie, ma credo di aver assaporato ogni singolo istante della mia vita come non avevo mai fatto prima. Ed è bellissimo e bruttissimo al tempo stesso, perchè ti rendi conto di un sacco di cose, ma è giusto così.

La cosa negativa è che se arrivi alla conclusione che in un determinato posto e in una precisa situazione non stai più bene, ma non hai ancora trovato una soluzione per evadere, allora tutto è più pesante, più complicato.

La cosa positiva è che, condividendo il tuo stato d’animo con i tuoi più cari amici, quando una delle tue persone speciali riassume il tutto con “sai che noi ci siamo sempre, anche se dovessi decidere di andare dall’altra parte del mondo…solo che se devono venire là tutte le persone che ti vogliono bene, allora diventerà un posto molto affollato”….allora direi che avere amici così in attesa di trovare la propria strada, è una delle fortune più grandi che si possano avere.

Quindi aspettando qualcosa che non so come, non so dove e non so neanche perchè, mi concentro su quello che qui, nella piovosa città lacustre, mi fa stare bene. E concludendo il post ho già in testa una canzone a tema, del resto senza musica non potrei stare, non so se è per il mio passato di radiofonica o soltanto perchè è uno dei miei grandi amori, quelli che a differenza delle questioni di cuore, non mi deludono mai.

La Fra e le tre moschettiere: gita ad Alssio per cuori solitari

Alassio…

Ero partita per fare un post triste, anzi in realtà l’avevo scritto, poi sono passati i giorni e il testo era lì, sul mio telefono, ma non l’ho mai pubblicato su The Jungle.

Il motivo: non lo so!

So solo che quando sono tornata da Alassio, dove sono andata per una serie di vicissitudini, ho capito che non ho più bisogno di dare nuovi volti a luoghi vecchi. Ebbene si, quella piccola perla della Liguria è stata per anni meta di rifugio per brevi fughe dalla città con Mr Money. Ed è proprio in quei luoghi che, poco prima che scoppiasse la bomba, avevo intuito che c’era qualcosa che non andava. Ma all’epoca non stavo benissimo e così, sdraiata sotto l’ombrellone, ricordo di aver scacciato dalla mia testa quella strana sensazione che avevo provato e mi ero rimessa a leggere il libro.

Con il senno di poi….ho fatto male. Di sicuro, se avessi affrontato la questione, forse mi sarei evitata molta sofferenza dopo, ma non ero in forze e me lo perdono. In realtà mi sono perdonata un sacco di cose, perchè comunque nessuno di noi è perfetto, quindi a volte credo sia solo importante capire quanto è successo e fare tesoro di certi insegnamenti, che personalmente penso possano arrivare solo da noi stessi.

Ad Alassio da single ci ero già tornata l’estate scorsa e percorrendo il budello non ero stata benissimo, lo ammetto, proprio in quel momento avevo capito che ci sarei dovuta tornare con calma.

Il destino poi ci ha messo lo zampino, come spesso accade, e così in Liguria ci sono tornata per una serie di motivi di cui magari parlerò in un altro post. Accompagnata da tre care amiche, che sono state preziosissime in questa avventura, sono così partita per “salutare” il mare d’inverno, nel vero senso della parola perchè alla primavera mancavano pochissimi giorni.

Lo ammetto, non è stato facile rivedere le spiagge, gli angoli, i ristoranti, gli scorci, le gallerie d’arte….insomma, è stato come essere travolti da un vento fortissimo, una tormenta di ricordi e di sensazioni.

E così in un soleggiato e limpido giovedì mattina di marzo, vagando su una spiaggia un po’ persa, qualche lacrima è scesa….voltandomi però ho trovato un angioletto pronto a tendermi un fazzoletto e a dirmi: “vuoi star da sola o ti va un po’ di compagnia?”.

Ed è li, vedendo arrivare le altre due moschiettere pronte a incidere sulla sabbia una scritta che riportava il nome del soggetto di cui sopra con l’aggiunta di un hashtag che non stiamo a riportare ma di cui abbiamo documentazione fotografica, che FraD’Artagnan ha ritrovato il sorriso.

Ancora una volta, insomma, non posso che dirmi che fortunata ad avere amici così!

Per il resto, direi che la riassumiamo con le parole di un video che io e la mia compagna di stanza – che cercava di intrattenermi dopo una notte insonne – abbiamo trovato su YouTube: “Cinque sono le lettere che accompagnano la parola amore….proprio come merda!”.

I sogni son desideri di…. fortuna: riflessioni critiche dalla giungla virtuale

E’ lunedì e questo è già un problema. Come altri milioni e milioni di persone, nonostante faccia un lavoro che in realtà non segue come altri i giorni della settimana, io ho comunque un’avversione per il lunedì. Oltretutto siamo in quel periodo a cavallo tra inverno e primavera, quello del caldo/freddo e io, da buon ariete, necessito dell’arrivo della primavera per rigenerarmi. Punto 1.

Punto 2: il fatto che volevo fare un master di scrittura seriale di fiction ma sono esclusa per l’età. Ora la domanda è sempre quella: possibile che si invecchia sempre di più ma per formazione e lavoro se hai più di 35 anni sei fuori da una serie interminabile di possibilità?

Chissà se adesso, con i giovani che chiederanno il reddito di cittadinanza perché han capito che è più conveniente di lavorare, allora la mia generazione, quella in cerca di professione in piena crisi economica, quella degli stipendi da fame, quella degli stage su stage, quelli del mai una risposta all’invio di un cv, avrà una rivincita? Di indole non sono pessimista ma realista quindi l’unica risposta che mi sento di darmi è “no” un solenne, solenissimo “noooooo”.

Il punto… 3 vien da sé: va bene la storia del non mollare mai, dell’inseguire i propri sogni, ma possiamo inventarci qualcosa di nuovo? O meglio possiamo aggiungere al famoso “never give up” anche un “in attesa di un grandissimo colpo di fortuna”. Conosco un vero e proprio esercito di persone che con le unghie e con i denti tengono stretti i propri sogni, nonostante le difficoltà, nonostante i mille sgambetti. Gente in gamba, gente che vale. Di questi al momento quanti ce l’hanno fatta davvero? Pochi, pochissimi.

Punto 4: nonostante il punto 3, ho comunque spedito anche oggi curriculum, ho guardato corsi che vorrei fare, ho progettato cose meravigliose che non accadranno mai. Così, giusto per non mollare in attesa di quel colpo lì….poi se la dea bendata stavolta vuol esser generosa, magari vinco qualcosa così i sogni me li finanzio da me 🙂

L’obiettivo della lista era la scrittura terapeutica. Quelli che, come me amano scrivere sopratutto nei momenti “no”, sapranno benissimo di cosa sto parlando. Del resto io il mio piccolo angolo me lo sono creata qui, con “Francesca in the jungle”. E’ solo un diario, non mi porterà lontano, però mi ci sto affezionando….

Punto 5: 2100 battute dopo mi sento meglio, obiettivo raggiunto. Domani è martedì poi via liscio verso il fine settimana!

Restare nella giungla per tagliare gli ultimi rami secchi

“Our jungle is different”. C’è anche un po’ di Francesca in The Jungle nello slogan del marchio RoGà (atelier Regina Lellè, Cernobbio)

Più di un mese senza scrivere su The Jungle. Questa volta però non è stata colpa degli impegni o dell’assenza di spunti da condividere, ma del tempo che mi sono presa per riflettere sul senso di portare avanti il blog o meno.

Tra pochi giorni, infatti, sarebbe scaduto il dominio di Francesca in The Jungle e mi sono domandata se quest’anno avesse avuto senso proseguire. Non perché io non sia legata a questo diario, ma per il fatto che con il 2019 inizia per me una sorta di terza vita.

C’è stata una prima vita decisamente più facile e spensierata, quella che è durata fino a pochi anni fa, poi c’è stata la seconda vita, quella dalla separazione in poi, caratterizzata per la maggior parte da momenti difficili, da continui sgambetti.

Tre anni davvero pesanti, sempre in affanno, tra mille difficoltà. Mesi e mesi di lotta, per non mollare. Con la fine del 2018 però, anno segnato anche dal divorzio e quindi dalla chiusura definitiva di un capitolo importante, è arrivato anche qualche spiraglio. Nulla che abbia permesso di dire “finalmente è finita”, ma che ha senza dubbio portato alla consapevolezza di molte cose, belle e brutte, e a una vera e propria sensazione di rinascita. Per arrivare fino a qui mi sono messa mille volte in discussione, mi sono guardata dentro, ma posso dirmi almeno un po’ soddisfatta del lavoro che ho fatto su me stessa.

Per tutti questi motivi il 2019 non può che segnare l’inizio di una nuova vita, tutta da scrivere, tutta da reinventare. E dopo oltre 30 giorni di riflessione ho deciso di portare con me il blog, da un lato perché digitare parole qui è anche una sorta di terapia, ma anche perché se il sito è nato per testimoniare un percorso, è giusto vedere come va a finire la storia 🙂

E così eccomi qui, a buttar giù qualche riga che per molti sarà senza senso, ma che ne avrà molto per chi sa di cosa sto parlando e per tutti quelli che trovano sempre qualche minuto per leggere i miei post.

L’anno è iniziato senza grossi stravolgimenti, anche se l’assenza di Ira è forte. Qualche piccola buona notizia è arrivata, ma per quella più attesa, ovvero una bella novità dal punto di vista lavorativo, ancora nulla all’orizzonte. Ma siamo solo a febbraio, vediamo cosa succederà nei prossimi mesi.

Di sicuro ho già capito come sarà l’impostazione del 2019 con il lavoro come priorità. Solo raggiungendo questo obiettivo penso che riuscirò a superare il forte senso di ingiustizia che ho dentro e che solo chi conosce le dinamiche del mio ambiente lavorativo – o i miei amici più stretti che sanno molto di me – può comprendere. Quando arriverà quel momento, potrò tagliare definitivamente gli ultimi rami secchi.  Nel 2020 mi aspetta anche un altro trasloco, speriamo di arrivarci ben preparate e con solide basi.

E l’amore? Al momento direi che mi piace la mia libertà di spazio e di azione. A meno di strani accadimenti del destino quindi…..potrei replicare il 2018, con qualche incontro interessante, finito poi però in nulla di importante 😉